Baby’s Best Start

/%1$s al %2$sBaby's Best Start

Filastrocche per i bambini sulla pioggia: Rain, Rain Go Away

Arriva la primavera (forse), ma dopo un inverno senza pioggia (almeno da queste parti), arriva anche la pioggia. Che, come si sa, ai bimbi non piace molto. Eppure abbiamo già visto che qualsiasi occasione può essere buona per insegnare nuove canzoncine e filastrocche ai bimbi, anche ai più piccoli. […]

La rivincita di Sunny the cat

Sunny the cat, il ritorno. Il nuovo corso che abbiamo intrapreso al Learning Center Helen Doron si chiama English for Infant. Abbiamo detto addio ai libretti, ai cd e alle musiche del Baby Best Start ma ecco che mio figlio si è morbosamente attaccato ai libretti di Sunny The Cat e ogni giorno mi chiede di leggerglieli. […]

Quanti modi per dire gatto!

  Gatto, miao-miao, micio e adesso anche cat. Immagino che turbinio di informazioni ci sia nel cervello del mio piccolino in questo periodo. Mai prima d’ora mi accorgo di quanto stia lavorando per apprendere e quanto rapidamente ci riesca, apparentemente senza sforzo alcuno. […]

D’estate si cresce

Al nano le vacanze estive fanno bene. E non solo all’anima e al colorito, ma contribuiscono al suo sviluppo fisico e intellettivo in maniera palpabile e determinante. L’anno scorso al rientro io stessa guardando le foto scattate prima e dopo le vacanze mi resi conto della enorme differenza nello sguardo e nel corpo. Quest’anno è accaduta la stessa cosa. […]

Tempo di saluti e di bilanci

Il nano sta per andare in vacanza. E’ un bambino fortunato perché starà al mare per molto tempo. Saluterà il nido e anche il centro Helen Doron dove per qualche mese ha trascorso divertenti pomeriggi in compagnia del suo amichetto e di Simona giocando e cantando in inglese. E’ quindi tempo di bilanci e devo dire che quelli che faccio come mamma all’inizio un po’ scettica sono positivi. Una mia amica proprio qualche giorno fa [...]

Corso di inglese: pausa estiva

Il nostro corso Baby’s Best Start volge al termine. Abbiamo iniziato da qualche mese e nonostante le perplessità e i dubbi iniziali l’esperienza è stata interessante: abbiamo giocato, abbiamo ballato e il nano ha approcciato all’inglese, acquisendo familiarità con la lingua e pronunciando qualche parolina, ma soprattutto ha imparato a comprendere il significato di numerosi vocaboli. […]