Il nano, come tutti i nani di questa generazione, ha un intuito tecnologico straordinario. A sedici mesi ha imparato con nonchalance ad accendere il lettore dvd, a inserirci un disco e a premere start. Massima autonomia mentre io lo guardavo basita.

Quando vede qualcuno al computer non c’è verso: deve avvicinarsi, premere tasti e guardare video e foto sullo schermo. Manca poco che si metta a muovere il mouse e a battere sui tasti con cognizione di causa.

Non ha lo stesso interesse per la televisione. A parte un paio di cartoni in dvd ai quali è affezionato e che vede al massimo una volta al giorno, non accende mai la tv e non sembra interessato. Il che se da un lato non è proprio un bene, perché che non posso usare la tv come distrazione per fare qualcosa per conto mio, dall’altro non mi dispiace vista l’avversione che ho per lo strumento. Allora mi sono messa in cerca di qualche sito carino e interattivo che possa essere interessante per un bambino così piccolo.

Di siti in inglese, e anche in italiano, ce ne sono davvero tanti e devo dire che ho girato un po’ per farmi un’idea. Alla fine, dopo tanto peregrinare, siamo approdati sul sito di Baby TV CHannel, che è un canale televisivo per i piccoli e ha un sito utile anche per i nani come il mio. C’è una sezione giochi che lui adora perché è piena di colori e di disegni che si muovono e si gioca con cose semplici: i numeri, le lettere, le bolle di sapone. Tutto in inglese.

E poi c’è l’arcobaleno. In lingua inglese rainbow, in lingua nanesca acca