Quando Mattia era piccolo piccolo, tra i vari libri a disposizione allo spazio gioco dove andavamo c’era anche Il piccolo bruco Maisazio di Eric Carle, celebre scrittore e illustratore statunitense di libri per bambini.

Il libro era così bello che l’abbiamo acquistato ed è ora insieme ad altri libri nel nostro “mobile rosso” . Ora che Mattia è “grande” il libro è passato dalle sue mani a quelle trepidanti dei fratellini…!

Pagina dopo pagina, l’allegro e colorato racconto del piccolo bruco affamato riesce a coinvolgere in modo divertente i  bambini, permettendo loro inoltre di iniziare a conoscere (e riconoscere) nomi di alimenti quotidiani, i numeri dall’1 al 5, i  giorni della settimana….

Consigliato dai 4 anni, è tuttavia proponibile tranquillamente anche prima, con la partecipazione dell’adulto che potrà gustarsi il libro con il proprio piccolo divertendosi.

Tutti ormai sappiamo e riconosciamo i benefici effetti della lettura precoce e quotidiana, fin dai primi mesi di vita, effetti che vanno dalla positiva influenza dal punto di vista relazionale a quello cognitivo, e che riescono a  trasmettere l’amore per la lettura…

In particolare la biblioteca è un luogo di riferimento molto importante, fin da piccoli, e proprio oggi, con il pretesto del corso di inglese Helen Doron che Mattia sta frequentando da qualche mese, ho richiesto in prestito la versione originale, quella in inglese: The Very Hungry Caterpillar.

A breve, grazie al servizio di interprestito bibliotecario, potremo ritirare il libro e vi dirò in seguito come è andata…! Non è un libro-dizionario e non è un concept book… Sono proprio curiosa! E poi… La trama richiama molto quella di Belinda the caterpillar, la storia del bruco che si trasforma in farfalla, che si trova nel secondo CD del corso base FEFAC!